Balotelli, dopo gli abusi razzisti, dice ai tifosi che “esiste già un’Italia multi-razziale”18 novembre 2010

L’attaccante italiano Mario Balotelli ha affermato di essere stufo di sentire abusi razzisti mentre gioca, a seguito dell’1-1 Italia-Romania.

Il giocatore ventenne si è guadagnato la sua seconda presenza in nazionale per l’Italia ma è stato oggetto di abuso ogni volta che ha toccato la palla nell’amichevole internazionale svoltasi a Klagenfurt, Austria.

Striscioni in vista
Gli striscioni in vista sul campo dicevano: “Non esistono neri italiani”, “ No all’Italia multi-etnica”, e “Solo italiani nella nazionale”

L’ultimo si riferiva a Cristian Ledesma, un centrocampista della Lazio nato in Argentina naturalizzato italiano.

Balotelli, che è figlio di immigrati del Ghana di Brescia, ha detto a Mediaset: “Sinceramente non so cosa dire. Se devo ascoltare quei cori tutte le volte non si può andare avanti. Lascio giudicare agli altri. Sono felice di far parte della nazionale.

“Non è giusto fermare la partita perché alcuni tifosi allo stadio si comportano così. Dobbiamo cambiare queste persone ma non spetta a me farlo.

“Dove vivo le persone non ragionano così. Dovrebbero vergognarsi. Esiste già un’Italia multi-razziale.”

Prandelli disgustato
L’allenatore italiano Cesare Prandelli ha affermato di essere “disgustato” dall’episodio. “Non cambierò certo le mie idee, la mia squadra sarà sempre aperta a chiunque abbia un passaporto italiano,” ha affermato.

“La mia rabbia e la delusione sono così forti che vorrei fare una decisa dichiarazione ma mi trattengo per non dare loro (razzisti) troppa pubblicità.

“Questo è un segno del fatto che il nostro paese ha molti problemi ma dimentichiamo che per decenni siamo stati il paese con il maggior numero di emigrati nel mondo; gli italiani sono ovunque, in ogni angolo del pianeta.

“In casi come questi c’è bisogno di un forte gesto simbolico quindi alla fine della partita ho abbracciato Balotelli e se succederà di nuovo, lo faremo ancora.

Tifosi di estrema destra
Kurt Wachter coordinatore del partner austriaco FARE Fairplay ha affermato, “Un gruppo di 100 tifosi di estrema destra ha cantato cori razzisti contro Balotelli che si sono sentiti chiaramente visto che l’amichevole aveva solo 5400 spettatori.

“I tifosi hanno cantato cori razzisti anche contro Cristian Ledesma, nato in Argentina, alla sua prima presenza nella Squadra Azzura. “