Giocatore della nazionale ceca multato per saluto romano08 settembre 2007

La Federcalcio della Repubblica Ceca ha multato Pavel Horvath, centrocampista dello Sparta Praga e della nazionale ceca, per aver fatto il saluto romano nel corso dell’incontro Sparta – Viktoria Zizkov.

Il giocatore dovrà pagare circa 7.000 euro per essersi ripetutamente rivolto verso i supporter del suo club, durante la partita dello scorso 25 agosto, con un saluto che ricordava molto da vicino il “Sieg Heil” nazista.

La commissione disciplinare aveva richiesto il parere di un esperto, prima di prendere la sua decisione giovedì sera.

Siamo dell’opinione, confermata dal parere di un esperto, che purtroppo Horvath ha fatto un saluto romano ha riportato l’agenzia di stampa CTK news citando il presidente della commissione disciplinare Alexander Karolyi. Non vogliamo assolutamente questo tipo di esibizioni nel nostro calcio. La commissione ha chiesto un’opinione qualificata a Miroslav Mares, esperto in estremismi.
L’esperto ha escluso intolleranza o estremismo, ma è altamente probabile che lui (Horvath) abbia effettivamente fatto parte di un saluto romano. Forse pensava che ciò sarebbe piaciuto ai tifosi, tra cui molto probabilmente vi sono degli estremisti, e che così forse si sarebbero calmati. così Alexander Karolyi ha citato l’opinione dell’esperto.

Horvath, sostenuto dal suo club, ha negato di essere razzista e ha detto che il suo unico intento era quello di tentare di calmare i tifosi urlanti. Mi sono scusato. Mi dispiace se ho ferito qualcuno senza volerlo. queste le parole del centrocampista citate da CTK. Voglio nuovamente sottolineare che si è trattato di un gesto inopportuno… che non voleva essere né un saluto romano, né un gesto razzista. ha dichiarato.

Il portavoce dello Sparta Praga Lukas Pribyl ha dichiarato che il club rispetta la decisione della commissione e che non intende presentare ricorso.