Le top-league europee partecipano alla Settimana d’Azione FARE19 ottobre 2009

Michel Platini afferma “La UEFA si impegna senza ombra di dubbio nella lotta ad ogni forma di discriminazione”

Questa settimana vede un nuovo round di partite della UEFA Champions League e UEFA Europa League in Europa – e la lotta al razzismo sarà il punto focale negli stadi europei, poiché la UEFA offrirà il pieno sostegno alla più grande campagna contro il razzismo lanciata la scorsa settimana.

La UEFA sostiene la rete Calcio Contro il Razzismo in Europa (FARE) dalla firma dell’accordo formale nel 2001, e nel tempo tale relazione si è sviluppata così come il numero e l’entità delle attività contro il razzismo durante le partite europee. L’organismo principale del calcio europeo ha una politica di tolleranza zero nei confronti del razzismo sul campo e fuori e punisce con misure disciplinari quelli colpevoli di comportamenti razzisti.

Il Presidente UEFA, Michel Platini, ha parlato del suo sostegno alle attività che si terranno la prossima settimana in occasione delle partite europee:
La UEFA si impegna senza ombra di dubbio nella lotta contro ogni forma di discriminazione durante le partite europee, sia in campo che fuori. È per questo che sono lieto di sostenere tutte le attività che si terranno la prossima settimana con il nostro partner FARE, per mostrare al pubblico e ai tifosi a casa che siamo uniti nella lotta al razzismo.

Quest’anno tutte le 16 partite della 3° Giornata della UEFA Champions League (20 e 21 ottobre) e per la prima volta, tutte le 24 partite della UEFA Europa League (22 ottobre) sosterranno la Settimana d’Azione FARE. Saranno fatti annunci a favore dell’iniziativa, gli schermi giganti presenteranno il logo Uniti Contro il Razzismo e uno spot di 30 secondi “No al Razzismo” sarà presentato prima delle partite e durante l’intervallo. I poster della Settimana d’Azione FARE saranno forniti per la distribuzione ai club e una pagina dei programmi delle partite sarà dedicata alla pubblicità RESPECT.

Sul campo, i 22 bambini accompagnati sul campo dai calciatori e i tre arbitri indosseranno magliette Uniti Contro il Razzismo, mentre chi porterà il pallone indosserà una maglietta RESPECT. Infine i capitani delle squadre saranno invitati a indossare la fascetta blu e gialla Uniti Contro il Razzismo.

Cartelloni a bordo campo “No al razzismo”
Inoltre, in occasione della partita tra CSKA Mosca e Manchester United mercoledì saranno presenti a bordo campo grandi cartelloni con il messaggio “No al Razzismo” nello stadio. Dall’inizio della stagione i club russi della UEFA Champions League CSKA Moscow e Rubin Kazan stanno mostrando un messaggio contro il razzismo, poiché la pubblicità di bevande alcoliche è proibita negli stadi russi. La UEFA ha scelto i cartelloni “No al razzismo” anche per sottolineare le nuove norme contro il razzismo che conferiscono più potere agli arbitri nel porre fine a cori razzisti o ad altri comportamenti discriminatori.

La 10° edizione della Settimana d’Azione FARE (15 – 27 ottobre), organizzata dalla rete FARE e sostenuta da UEFA, presenta circa 1000 iniziative di tifosi, club, associazioni nazionali, gruppi di minoranze etniche e gruppi giovanili in tutta Europa. Lanciata nella stagione 2001/2002 con iniziative in nove paesi, la decima edizione della Settimana d’Azione annuale FARE coinvolge ora 40 diversi paesi.

Per una lista complete delle attività europee visitare: FARE