L’appello di FARE affinché l’oltraggio subito dall’Inghilterra sia punito19 novembre 2004

La rete del Calcio contro il Razzismo in Europa (FARE) ha fatto appello alla FIFA affinché siano deliberate sanzioni ad ampio raggio contro la Federcalcio spagnola, di modo tale che l’episodio di matrice razzista occorso mercoledì scorso sia punito. La rete esige che le squadre spagnole siano escluse dai tornei calcistici europei fino a quando la Federcalcio spagnola non abbia dimostrato agli organi calcistici europei di aver affrontato il problema del razzismo con serietà.

Gli osservatori di Kick It Out, partner di FARE, e i colleghi della ONG spagnola CERCRA, che erano presenti alla partita, invieranno le loro testimonianze a UEFA e FIFA, a completamento di ogni relazione stesa dalla Federcalcio.

Il gruppo ritiene che la misura e i livelli di razzismo raggiunti da questi canti non abbiano precedenti, se si guarda alle partite internazionali degli ultimi tempi, e avrebbe voluto che la partita venisse interrotta dall’arbitro o che la squadra inglese abbandonasse il campo.

Piara Powar, direttore di Kick It Out, ha dichiarato:
” Siamo convinti che l’inettitudine dimostrata dalla Federcalcio spagnola a seguito dei commenti dell’allenatore nazionale Luis Aragones abbia contribuito a quanto è accaduto mercoledì sera. La Spagna è una delle più importanti nazioni calcistiche in Europa, ma le autorità calcistiche spagnole, i media e molti tifosi hanno scelto di non vedere il razzismo come un problema.

I commenti di Aragones evidenziano quanto la Spagna, così come altri importanti paesi calcistici europei, debbano ancora fare per collaborare con i nostri partner della rete FARE, e garantire che incidenti come quello di ieri sera non si ripetano mai più.

Ora è la FIFA ad avere l’onere di intraprendere qualche tipo di azione. Ciò metterà alla prova la sua intenzione di affrontare il problema del razzismo nel calcio con fermezza.”

Michael Fanizadeh di FairPlay-vidc, l’ufficio di coordinamento di FARE a Vienna, esige che si faccia qualcosa:

“Ciò di cui abbiamo bisogno sono grandi sforzi da parte dei responsabili del calcio in Spagna. FARE intensificherà il suo impegno rivolgendosi alle associazioni contro il razzismo in Spagna, ai tifosi, ai giovani, al governo spagnolo, alla lega e alla Federcalcio. Dobbiamo vedere risultati ad ogni livello di gioco, dobbiamo unirci nella lotta al razzismo nel mondo del calcio spagnolo.

Ma vogliamo anche che la Federcalcio spagnola e la FIFA, responsabili della partita amichevole di mercoledì scorso, facciano qualcosa.”