La rete FARE celebra 10 anni08 dicembre 2009

La rete “Il Calcio Contro il Razzismo in Europa” (FARE) celebra questo weekend 10 anni di attività e più di 100 tifosi, attivisti e ONG si riuniranno al Franz-Horr-Stadium a Vienna, la casa di FK Austria.
La conferenza di due giorni, il 13 e il 14 dicembre segnerà alcuni dei traguardi chiave della rete dalla sua creazione a Vienna nel 1999, e guarderà avanti alle nuove sfide con una serie di workshops su varie aspetti della discriminazione nel calcio.
Il ruolo di FARE nella lotta al razzismo a tutti i livelli del calcio professionale e amatoriale ha portato al coinvolgimento di 40 paesi in Europa. Oltre all’attività di monitoraggio nel calcio locale in tutte queste nazioni, FARE svolge ora un ruolo chiave nei principali tornei grazie alla collaborazione con la UEFA.
Ambasciatori FARE
Il lavoro di FARE è sostenuto da alcuni dei più grandi nomi del calcio europeo. Lillian Thuram e Marcos Senna sono soltanto due dei calciatori che hanno assunto il ruolo di ambasciatori. Un altro è l’ex giocatore del Celtic, Aston Villa e Bari, Paul Elliott che ha commentato:
La discriminazione nel calcio europeo è un tema complesso che ha diverse forme ed è per questo che il lavoro di FARE è così importante. La sua presenza influente in molti paesi significa che le tendenze possono essere monitorate ed è possibile prendere le misure necessarie.
Kurt Wachter, del membro FARE, FairPlay-vidc, ha affermato:
La rete FARE ha avuto molti successi nell’ultimo decennio. Useremo questa conferenza per esaminarne alcuni ma anche le nuove sfide che ci attendono, come il programma di lavoro verso gli Europei in Polonia e Ucraina nel 2012 e come affrontare l’omofobia nel calcio.
Rapid Wien ospiterà un evento per i media
Un evento FARE per i media si terrà domenica sera presso il Gerhard-Hanappi-Stadium del SK Rapid Vienna. Fra i partecipanti:
– rappresentanti UEFA
– L’Associazione Calcistica Austriaca,
– La Lega Calcistica Austriaca
– L’Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali (FRA)
– La Città di Vienna
Saranno ospiti altre personalità importanti, calciatori ed ex-calciatori:
– Paul Elliott
– Samuel Koejoe (Dunajská Streda, Freiburg)
– Yves Eigenrauch (Schalke 04)
– Oliver Prudlo (Wacker Innsbruck), presidente dell’Unione dei Calciatori Austriaca.

La conferenza di Vienna “Il Calcio per l’Uguaglianza: Le sfide del Razzismo e dell’Omofobia” è promossa da UEFA, la Commissione Europea e la Città di Vienna.
Note
I rappresentanti dei media sono invitati a partecipare domenica 13 dicembre alle 19:30, ospiti del SK Rapid Wien al Gerhard-Hanappi-Stadium. AI giornalisti interessati viene richiesto di registrarsi in anticipo.
Per ulteriori dettagli e per la registrazione vi invitiamo a contattare Elisabeth Kotvojs allo 0043 1 7133594 97 o [email protected]