Calcio d’inizio per i Mondiali 2007!13 luglio 2007

Sono iniziati ieri, per la prima volta in una nuova località, Casalecchio di Reno (Bologna), i Mondiali Antirazzisti 2007. Nei prossimi giorni più di 8000 persone da più di 50 paesi parteciperanno a questa grande festa.

Mondiali Antirazzisti 2007

I Mondiali Antirazzisti sono un torneo di calcetto non commerciale internazionale contro ogni forma di razzismo e discriminazione ed esistono già dal 1997. L’evento é organizzato dai partner FARE italiani „Progetto Ultra“ e UISP, così come dalla biblioteca storica Istoreco, ed è l’evento più importante di questo tipo a livello mondiale. Dopo essere stati ospitati per dieci anni a Montefiorino e Montecchio, i Mondiali Antirazzisti si tengono quest’anno per la prima volta nel Centro Sportivo Salvador Allende a Casalecchio.

Molto più che solo Calcio

Accanto al torneo di calcio, al quale quest’anno prenderanno parte 204 squadre, (tra le quali 2/3 squadre miste!) e altre organizzazioni sportive (Basket, Pallavolo, Cricket), si svolge un’ampia gamma di eventi: Da una parte, nella “Piazza Antirazzista” i partecipanti esporranno del materiale per far conoscere le proprie attività; dall’altra parte si terranno tavole rotonde e mostre.

In particolare venerdì sera ci sarà ancora una volta una pausa dai tornei di calcio – un momento speciale che dimostra che i Mondiali Antirazzisti non sono fatti solo di quello!
Desideriamo invitarvi a partecipare ai workshop e alle iniziative e infine a godervi l’atmosfera del nostro incontro annuale nei vari luoghi della manifestazione. Fra gli altri eventi nell’ambito dei Mondiali ci sono numerosi workshop, un film festival, tavole rotonde, numerosi concerti, testimonianze dei partigiani italiani, nonchè la visita del luogo del massacro di Marzabotto.

FARE ai Mondiali

Ai Mondiali saranno presenti anche molti altri partner di FARE. Una squadra-FARE parteciperà al torneo e tutti i partecipanti e gli ospiti sono invitati allo Stand FARE per conoscere meglio le nostre attività.

Il sostegno della FIFA

Grazie al sostegno di “Football for Hope” – programma della FIFA, gli organizzatori sono riusciti a finanziare le spese di viaggio di molte squadre, soprattutto quelle provenienti dall’Europa dell’est, e di dare loro così la possibilità di partecipare ai Mondiali e presentare i propri progetti.