Vivicittà Uisp: la prima volta a Kinshasa – Repubblica Democratica del Congo09 aprile 2008

Il Vivicittà – la grande maratona organizzata dalla Uisp (Unione Italiana Sportpertutti) che ogni anno si corre contemporaneamente in molte città in Italia e nel mondo – è arrivato domenica 6 aprile alla sua venticinquesima edizione.
Tra le novità di questa edizione, dedicata “alla pace, ai diritti, all'ambiente“, c'è l'arrivo del Vivicittà a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, dove oltre duemila persone hanno partecipato alla corsa svoltasi a Masina, una municipalità ad est di Kinshasa (nel distretto di Tshangu, uno dei più disagiati della capitale congolese).

La realizzazione del Vivicittà a Kinshasa è stata possibile grazie a un'organizzazione che la rete FARE ha imparato a conoscere molto bene durante le più recenti Action Week: la Lisped (Ligue Sportive pour la Defense de Droits de l'Homme), presieduta dall'avvocato Alain Makengo Kikandou.
La Lisped è attiva nella RD del Congo da diversi anni, con progetti riguardanti la lotta alle discriminazioni nel calcio e nello sport in generale, il recupero delle vittime della guerra, e l'utilizzo dello sport come veicolo di pace, ed è uno dei promotori della neonata African Network of Sport for Peace.

Il Vivicittà si divide in due gare, una competitiva di 12 chilometri, alla quale a Kinshasa hanno partecipato 400 atleti e una non competitiva di 4, che ha visto correre 2000 persone; inoltre la Lisped ha organizzato – con grande successo – una 2 chilometri per le persone con disabilità. Nei prossimi giorni è prevista una tappa del Vivicittà anche nelle carceri cittadine.

Daniela Conti, per il Settore Internazionale della Uisp, e Livia Dusatti, di Peace Games, l'Ong della Uisp, si sono recate nella RD del Congo con un duplice scopo: seguire lo svolgimento della maratona in rappresentanza della Uisp ed effettuare un “micro” studio di fattibilità in vista di futuri progetti di cooperazione internazionale nell'area.
E' stata un'emozione molto forte – ci racconta Daniela – vedere tante persone con la maglia del Vivicittà affollare gli stretti vicoli di Masina“.

Oltre ad aver avuto un gran successo di pubblico, il Vivicittà è stato anche molto seguito dai media e dalle autorità congolesi, presenti con il ministro della gioventù e dello sport, Willy Bakonga Wilima – che per la prima volta visitava Masina – con l'amministratore della municipalità di Masina, Mafulu Kaputu, e con i presidenti del comitato olimpico e della federazione atletica.

I migliori piazzamenti della prima edizione del Vivicittà Kinshasa sono stati Papy Ilunga e Patience Lituka (12 km), Lufumba e Naomi Katoka (4 km), Nzonzingo (2km per disabili che hanno corso senza supporti motorizzati) e Lusiete Jean-Marie (2 km per disabili che hanno corso con supporti motorizzati).

(layla mousa)